Simulazione di Assessment per gli allievi della Radar Academy con il gruppo Danieli S.p.A

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Due giorni estremamente interessanti dedicati alla formazione e alla riflessione sul valore delle soft skills per gli allievi del Master in Management delle Risorse Umane della Radar Academy insieme a Giorgio Toso, HR Talent Manager del Gruppo Danieli S.p.A. 

Danieli & C. Officine Meccaniche è una multinazionale italiana con sede a Buttrio (UD) ed è uno dei leader a livello mondiale nella produzione di impianti siderurgici.  I ragazzi hanno preso parte a due giornate di Assessment di gruppo online, basato sulla tecnica del Role Play. “In questo modo – spiegano le Career Coach & Talent Acquisition Specialist di Radar Academy Jenny Pozzi e Giulia Serrao – abbiamo deciso di simulare una situazione lavorativa in modo da valutare la risposta di ogni candidato, in quanto è predittiva di un futuro comportamento in azienda in situazioni analoghe. Inoltre, abbiamo fatto un bilancio di soft skills per andare ad individuare punti di forza o di debolezza in termini di leadership, problem solving, pensiero critico, capacità di iniziativa/proattività, capacità di lavorare in gruppo e capacità di analisi e organizzazione.” 

Trovare una soluzione condivisa

Ai ragazzi è stato chiesto, quindi, di analizzare un caso aziendale nell’ambito del team risorse umane. Inoltre, hanno dovuto elaborare una strategia efficace coerente con le necessità aziendali su un problema di gestione del personale, formulando una serie di ipotesi per poi arrivare ad una soluzione condivisa.

“Sono state seguite specifiche linee guida volte a creare armonia, abbiamo analizzato il fabbisogno in azienda, la periodicità delle operazioni, sviluppato soluzioni e lavorato in sinergia – commentano alcuni allievi del Master – ci siamo occupati della riorganizzazione dei ruoli, un vero e proprio valore aggiunto all’interno di questo lavoro di gruppo. Ognuno di noi ha dato il proprio contributo, aggiungendo quel piccolo ‘pezzetto’ che ha completato il puzzle. E’ stata un’esperienza gradevole, un grande lavoro collettivo – hanno aggiunto i ragazzi – . E’ bello vedere come da un confronto possano nascere idee geniali. Anche se la dinamica si è sviluppata online, ci siamo trovati bene lo stesso, pur non conoscendoci. Chiaramente, in presenza sarebbe stato diverso, ma in ogni caso questa situazione non ci ha impedito di fare uscire la parte migliore di noi, siamo stati proattivi nei confronti del problema, abbiamo cercato fin da subito di arrivare ad una soluzione condivisa.”

L’aspetto interessante per tutti gli Allievi di ciascun Master di Radar Academy è la possibilità di optare per il percorso formativo che include uno Stage garantito, di almeno tre mesi, in una delle Aziende Partner della Radar. Le attività di Placement hanno la finalità di fornire ai discenti un’interazione diretta con il mondo del lavoro al fine di mettere in pratica le conoscenze acquisite durante la fase d’aula. 

Cosa fa l’HR Manager

Attraverso il confronto diretto con i docenti, l’analisi di specifici casi aziendali e le attività di Placement, gli allievi del Master in Management delle Risorse Umane hanno modo di approfondire le dinamiche che ruotano attorno al ruolo dell’HR Manager, la figura professionale incaricata alla gestione, formazione e sviluppo del personale di un’azienda. In base a quanto viene evidenziato su Jobbydoo, noto motore di ricerca di lavoro, l’HR Manager si occupa principalmente delle seguenti attività:

  • Recruiting;
  • Pubblicazione degli annunci di lavoro;
  • Screening del curriculum vitae;
  • Assessment center;
  • Colloqui di lavoro.

Il Responsabile HR riveste poi un ruolo cruciale nella negoziazione degli aspetti contrattuali relativi all’assunzione, inclusa la parte economica. L’HR Manager, inoltre, lavora a stretto contatto con i responsabili dell’amministrazione del personale, elaborando anche vere e proprie strategie di sviluppo del personale, facendo leva sui punti di forza delle risorse, sulle attività formative e di training. Se dovessimo descrivere la “giornata tipo” di questo professionista, potremmo conoscere più da vicino i compiti specifici ai quali è chiamato quotidianamente:

  • Gestione del processo di recruiting;
  • Selezione delle risorse;
  • Focus sugli aspetti amministrativi e fiscali;
  • Promozione di attività formative;
  • Valutazione delle performances dei lavoratori;
  • Offrire validi suggerimenti in relazione alla struttura organizzativa; 
  • Promozione della cultura aziendale;
  • Potenziamento dell’engagement;
  • Rafforzamento della funzione HR in linea con la strategia aziendale.

Al Responsabile delle Risorse Umane è richiesta anche la capacità di elaborare una politica HR che rispecchi la componente valoriale dell’azienda e l’attività di Employer Branding. Questo professionista ha il compito di incoraggiare percorsi di cambiamento all’interno di un’azienda, tenendo conto delle esigenze di una struttura organizzativa e dell’analisi del mercato del lavoro. Le attività di cui quotidianamente si occupa questa figura professionale richiedono, dunque, impegno, costanza e grandi responsabilità.

La carriera di un Responsabile HR generalmente ha inizio con attività inerenti a posizioni junior per poi passare a mansioni sempre più complesse. Si può ambire alla posizione di Head Hunter (letteralmente ‘cacciatore di teste’) oppure lavorare come libero professionista o ancora offrire consulenza specializzata. Il Responsabile delle Risorse Umane, infine, è pronto ad interfacciarsi con le esigenze dei lavoratori, cercando di trovare la soluzione più adeguata per far fronte ad eventuali ostacoli. Sono particolarmente richieste, in tal senso, buone doti relazionali, comunicative e capacità di problem solving.