Quali sono le soft skills più ricercate dagli HR nei candidati

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Con lo smart working, “esploso” per via della pandemia di Covid-19, anche i colloqui di lavoro si tengono da remoto. Conseguentemente, ora più che mai, è opportuno comprendere quali sono le soft skills maggiormente richieste dalle Aziende, ovvero quelle competenze trasversali che ci rendono realmente appetibili nel mercato del lavoro. A questa domanda cercheremo di rispondere in questo articolo.

Le soft skills richieste dalle aziende

A ricordarci quali sono le competenze trasversali imprescindibili da inserire all’interno del nostro curriculum vitae è Almalaurea, definendo le soft skills come “chiavi del mondo del lavoro”. Secondo quanto emerge da un’interessante lista stilata dal Consorzio Interuniversitario, ecco quali sono le principali soft skills richieste dagli HR:

  • Autonomia. E’ un concetto estremamente legato alla responsabilità. Implica la capacità di svolgere le attività assegnate senza il continuo supporto da parte degli altri membri di un’organizzazione;
  • Fiducia. Si tratta di credere in sé stessi, dando valore alle proprie potenzialità;
  • Lavorare sotto pressione. E’ la capacità di rispondere in maniera proattiva di fronte all’enorme mole di lavoro che ci viene richiesta quotidianamente;
  • Capacità organizzative, ovvero saper pianificare obiettivi, strategie e risorse;
  • Precisione, ossia avere cura dei dettagli e rispettare le scadenze;
  • Restare aggiornati è invece quell’imperativo quotidiano da non trascurare se vogliamo crescere in termini professionali per acquisire valide competenze sul lavoro;
  • Gestire le informazioni. Si tratta di un’operazione che implica una certa responsabilità e che si rivela particolarmente utile nella raccolta di dati aziendali;
  • Essere proattivi. Non dobbiamo sempre attendere che siano gli altri a dirci cosa fare. Spesso, una buona dose di creatività è davvero vantaggiosa per raggiungere gli obiettivi prefissati;
  • Doti comunicative. La capacità di trasmettere informazioni in maniera chiara e trasparente è fondamentale per interagire al meglio con i nostri colleghi o con il capo;
  • Problem solving. E’ un approccio imprescindibile nelle dinamiche aziendali. Si tratta della capacità di saper identificare la soluzione più adeguata per porre rimedio a eventuali problematiche;
  • Team working. E’ la capacità di lavorare in gruppo e instaurare un clima di fiducia al fine di raggiungere gli obiettivi aziendali;
  • Leadership: è quella capacità di trascinare e motivare gli altri, creando empatia e fiducia.

Individuate le principali soft skills sulle quali investire per non passare inosservati agli occhi dei recruiters, occorre comprendere in che modo valorizzarle nel proprio cv.

  • Leggiamo con cura l’annuncio di lavoro al quale decidiamo di candidarci;
  • Inseriamo nel cv una sezione nella quale elenchiamo le nostre soft skills, scegliendo quelle coerenti con la posizione per la quale ci stiamo candidando;
  • Nella compilazione del Curriculum Vitae, diamo spazio alle esperienze professionali attinenti all’offerta di lavoro;
  • Scriviamo una lettera di presentazione, valorizzando le soft skills che specifichiamo sul cv;

Le top soft skills secondo il World Economic Forum

Oltre ai dati raccolti da AlmaLaurea, è interessante, a tal proposito, evidenziare quelle che saranno le top skills ricercate dalle aziende nel prossimo futuro, secondo quanto emerge dal “Future of Jobs Report” del World Economic Forum. Le competenze più importanti che le aziende ricercheranno sempre di più nei candidati prima del 2025 saranno le seguenti:

  • Pensiero analitico e innovazione;
  • Apprendimento attivo;
  • Problem solving;
  • Pensiero critico e analisi;
  • Resilienza, tolleranza allo stress e flessibilità;
  • Creatività, originalità e iniziativa;
  • Leadership e social influence;
  • Ragionamento e ideazione;
  • Intelligenza emotiva;
  • Progettazione e programmazione tecnologica.

Le Aziende puntano a selezionare candidati che abbiano un’efficace versatilità per adempiere le mansioni alle quali quotidianamente sono chiamati. Chiarite quelle che sono le soft skills di cui ad oggi un potenziale candidato non può fare a meno, cosa aspettiamo a valorizzare i nostri punti di forza? Il mondo del lavoro è pieno di sfide, ma sta a noi saper cogliere quelle concrete opportunità in grado di soddisfarci e di fare la differenza rispetto ai nostri competitors!

Tutti i Master in partenza
e in corso di erogazione si svolgeranno regolarmente e nel rispetto delle misure anti-Covid19 per la tutela della salute e della sicurezza.