Responsabile delle risorse umane: di cosa si occupa?

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Forse è capitato anche a te di trovarti di fronte a una miriade di informazioni sul mondo delle risorse umane: forse ti piacerebbe lavorare in questo ambito ma sei ancora un po’ confuso sulle esatte mansioni del responsabile delle risorse umane.

Se è così sei nel posto giusto.

Cosa fa chi si occupa di risorse umane?

Pensa a questo: prima di procedere a un’assunzione, in qualsiasi settore – dalla fabbrica di produzione all’azienda di servizi – ogni lavoratore passa attraverso un processo di selezione. Successivamente può avvenire l’inserimento, poi la contrattualizzazione, infine subentra una fase di gestione del rapporto di lavoro con l’azienda. Ci possono poi essere necessità formative durante gli anni di lavoro, criticità da gestire e molti altri momenti in cui c’è da curare il rapporto tra il lavoratore e l’azienda.

Di tutto questo si occupa in maniera specifica l’ufficio Risorse Umane e il responsabile delle Risorse Umane, la figura incaricata alla gestione e al coordinamento di tutte le operazioni e le procedure che riguardano il personale dell’impresa.

Responsabile risorse umane: 10 mansioni principali

In base alle dimensioni dell’azienda e della sua organizzazione, le 10 principali mansioni del Responsabile delle Risorse Umane possono essere così sintetizzate:

  1. Analizzare i fabbisogni dell’azienda in termini di risorse umane, quindi cercare, selezionare e collocare i migliori candidati in azienda
  2. Definire la cessazione dei rapporti di lavoro
  3. Supervisionare gli aspetti normativi e amministrativi relativi alla gestione del personale (l’ufficio HR, spesso, controlla e invia anche buste paga e cedolini)
  4. Curare le relazioni industriali
  5. Curare o supervisionare la stipula dei contratti
  6. Amministrare il personale (organizzare turni, ferie, seguire pratiche di infortunio o congedo, controllare assenze e presenze, ecc.)
  7. Valutare il rendimento del personale
  8. Selezionare e reclutare il personale (prendere visione delle candidature, analizzare i curricula, avere colloqui con i candidati, ecc.)
  9. Definire i criteri e i programmi di sviluppo delle carriere
  10. Coordinare la formazione del personale (rilevare le necessità formative dei dipendenti, elaborare piani di formazione, ecc.)

Oltre alle specifiche mansioni che abbiamo elencato, al responsabile delle risorse umane è richiesto anche di saper ascoltare e comprendere i bisogni dei lavoratori, in modo tale da poter intervenire positivamente e stabilire o mantenere un clima sereno e disteso.

CTA Blog

Competenze trasversali che un responsabile delle risorse umane deve avere

Il ruolo del direttore delle risorse umane deve fare i conti con un mercato del lavoro sempre più esigente. Gestire gli affari e le persone richiede non solo specifiche abilità ma anche delle cosiddette soft skills (o competenze trasversali) imprescindibili per tutte le figure professionali HR.

Tra le principali abbiamo:

  • Capacità comunicative: perché il responsabile delle risorse umane deve garantire lo svolgimento dei propri compiti in maniera chiara, trasparente e con un’efficace comunicazione;
  • Multitasking ovvero la capacità di svolgere più compiti contemporaneamente: problem solving, recruiting, pianificazione riunioni e molto altro;
  • Capacità di pianificazione: al responsabile delle risorse umane è richiesto il monitoraggio delle attività aziendali, nonché la valutazione dell’esito;
  • Capacità di negoziazione ossia trasmettere fiducia tra le diverse parti coinvolte nella negoziazione e trovare una soluzione valida per tutti, a prescindere del loro ruolo in azienda;
  • Abilità interpersonali: il responsabile delle risorse umane deve dimostrare cortesia, diplomazia e comprensione verso gli altri, nel rispetto dei confini etici aziendali;
  • Capacità creative: questo significa riuscire ad affrontare le sfide attraverso metodi innovativi e non schemi tradizionali.

Come puoi formarti per diventare Responsabile delle Risorse Umane?

Le risorse umane sono, quindi, un valore aggiunto per le imprese. Per dimostrare una corretta gestione delle HR è richiesta, indubbiamente, la presenza in azienda di personale qualificato che sappia gestire, formare e motivare i potenziali candidati.

Il lavoro del responsabile delle risorse umane implica tutta una serie di competenze che vanno dalla conoscenza degli aspetti giuridici (gestione dei rapporti di lavoro e delle relazioni sindacali) e dei contenuti economici (organizzazione del lavoro e dell’azienda), fino ad arrivare a competenze umanistiche e psicologiche (selezione del personale, fidelizzazione dei dipendenti). Un potenziale responsabile delle risorse umane di solito ha seguito diversi percorsi accademici:

  • Giurisprudenza;
  • Economia;
  • Psicologia;
  • Lettere;
  • Scienze politiche;
  • Filosofia.

È chiaro però che una di queste lauree, da sola, non può garantirti anche una formazione specifica per le risorse umane e quindi non è opportuno candidarti già ora alle offerte di lavoro.

Prima dovrai acquisire le conoscenze e le competenze necessarie con un Master in Management delle Risorse Umane e un po’ di esperienza con uno stage o un tirocinio. Queste sono due chiavi per riuscire a farti notare durante un colloquio di lavoro.

Perché tanti vogliono occuparsi di risorse umane?

I motivi per lavorare nelle risorse umane sono diversi tra loro. Perché, dunque, scegliere il settore risorse umane?

  • Garantisce una posizione di responsabilità e influenza. Oltre a conoscere le priorità dell’azienda, le scelte dei professionisti HR possono anche incidere sul futuro stesso della società attraverso obiettivi strategici;
  • Ottime retribuzioni. Gli esperti del settore vengono generalmente retribuiti con stipendi elevati e spesso superiori alla media degli altri manager;
  • Possibilità di sviluppare le abilità del personale. Lavorare come responsabile delle risorse umane significa offrire un prezioso contributo allo sviluppo professionale degli altri dipendenti, che a loro volta vengono indirizzati verso nuove opportunità di carriera;
  • Dinamicità e flessibilità. Lavorare nelle HR significa intraprendere un percorso energico con la possibilità di analizzare aspetti variegati del mondo del lavoro (legislazioni, strategie di riorganizzazioni aziendale, assunzioni).

Se vuoi diventare Responsabile delle Risorse Umane scopri di più sul Master in Management delle Risorse Umane Radar Academy e sulle storie dei nostri Allievi che hanno trovato lavoro a seguito del Master, oppure contattaci utilizzando il form che trovi sopra.