Consigli per un profilo social a prova di Recruiter

Condividi questo articolo

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Se sei sui social network devi sapere che chi cerca Risorse Umane per la sua azienda o per un’agenzia di selezione è abituato a cercare anche attraverso questi canali. Ecco come puoi giocarti al meglio le tue carte per attirare l’attenzione dei Recruiter.

I social network sono entrati in modo sempre più capillare nella nostra vita, sia privata che lavorativa.

I recruiter cercano e studiano abitualmente i profili social dei candidati, sia per verificare le loro competenze, sia per capire meglio se c’è congruenza fra quanto scritto sul curriculum vitae e i contenuti pubblicati sui social.

Ma c’è di più: da una recente ricerca di Adecco e Università Cattolica è emerso che il 44,1% dei recruiter è propenso a escludere candidati dalla selezione a causa di contenuti o foto inappropriati pubblicati sui profili social personali.

Ecco perché in questo articolo abbiamo pensato di fornirti alcune linee guida per creare un profilo a prova di recruiter, cogliere le opportunità di lavoro e mettere in luce le tue competenze e la tua esperienza nel modo migliore possibile.

Ricerca del candidato giusto, oltre la metà delle occasioni è online

Iniziamo dai dati, che sono un riferimento abbastanza certo e pragmatico: secondo lo studio che abbiamo citato, viene evidenziato come i candidati spendono oltre il 70% del loro tempo per la ricerca di un lavoro online, scandagliando le offerte di lavoro, inviando curricula e cercando di stringere relazioni vantaggiose.

Nello stesso tempo, chi si occupa di ricerca e selezione destina ben oltre la metà delle sue energie e del suo tempo alla ricerca online e, più nello specifico, sui social network e questo tempo cresce sempre di più, anno, dopo anno. Già nel 2017, infatti, il Financial Times pubblicava i risultati di una ricerca di CareerBuilder secondo la quale circa il 60% dei datori di lavoro usa i social media per scremare i candidati prima di prendere una decisione.

Guardando a questi dati, possiamo dedurre che è importantissimo curare la tua immagine digitale: verosimilmente la tua prossima occasione potrebbe passare da quel che hai deciso di rendere pubblico. Prima o dopo un colloquio, chi si occupa di ricerca e selezione per il tuo profilo potrebbe venire a cercarti online e quel che pubblichi attraverso post e stories potrebbe essere determinante.

Il recruiting si fa sui social

È per rispondere in maniera più puntuale alle esigenze delle aziende che il recruiting sta “cambiando luogo” e metodo di ricerca.

Oggi, qualunque posizione lavorativa richiede una maggiore attenzione alle soft skill, motivo per iI quale i social network sono diventati lo spazio ideale per permettere l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. È in questi luoghi virtuali che le persone raccontano altri lati di sé spesso omessi durante un colloquio di selezione: la capacità di scrivere, di comunicare, di relazionarsi, di risolvere criticità o problemi.

È già nata, infatti, una nuova figura professionale, quella del Social Media Recruiter o Social Recruiter, un professionista che sa come utilizzare gli strumenti che le piattaforme mettono a disposizione per la selezione dei profili, che è in grado di leggere le informazioni che gli utenti mettono a disposizione e soprattutto di effettuare un processo di selezione del personale nel modo corretto.

Ecco l’importanza di avere un profilo digitale sui social credibile e rispondente alla realtà e di costruire quindi quel che potremmo definire genericamente la tua web reputation. Un aspetto da curare e da conoscere in modo particolare: se i social possono essere un’opportunità per i candidati, allo stesso tempo possono ritorcerglisi contro se non vengono adeguatamente curati.

Master in Management delle Risorse Umane

Master in Management delle Risorse Umane

Durata totale 6 mesi
Scegli Live Streaming oppure in Presenza (13 sedi in Italia)
Stage Retribuito Garantito
Consulenza di Carriera inclusa

Cosa guardano i recruiter sul tuo profilo social?

Una bella foto profilo, professionale e adeguata è certamente un ottimo punto di partenza, ma un Social Recruiter non si ferma certo a quella.
Stando all’indagine che abbiamo citato, gli elementi maggiormente valutati dagli HR sono:

  • la presenza sulla rete e sui social quindi non solo – banalmente – se hai un profilo oppure no, ma anche cosa scegli di pubblicare, i tuoi post, i tuoi articoli e le tue stories
  • la quantità e la qualità delle interazioni, quanto dimostrano il tuo interesse per la tua professione (presente o futura), quanto sono appropriate e rispettose
  • la tua reputazione online, ovvero quanto è popolata la tua lista di follower (o contatti), il tenore dei commenti e delle interazioni che generi, la tua capacità di coinvolgimento.

Perché i recruiter scartano i candidati dopo aver visto il loro profilo social?

Sembra che i motivi alla base dell’esclusione dei candidati siano:

  • tratti emergenti della personalità giudicati non idonei alla professione: pensa che un’azienda è come una “casa” nella quale vieni accolto e nella quale, quasi sicuramente, sarai chiamato a interagire con altre persone. Dunque manifestazioni riottose, litigiose, oppure superficiali o che generano criticità non sono ben considerate: nessuno vorrebbe mettersi in casa un problema.
  • informazioni non coerenti con il CV, e in questo devi davvero fare attenzione a riportare sempre la verità. Non inventare posti di lavoro, collaborazioni o esperienze che non puoi rivendicare sul CV perché non sono dimostrabili.
  • contenuti discriminatori
  • commenti negativi sui datori di lavoro
  • un network di contatti misero e un profilo social poco aggiornato.

Guardare i profili dei candidati è un bene o un male? Il dibattito è ancora aperto…

 “Il tema è molto caldo – dice Ernesto D’Amato, direttore generale di Radar Academy – nei nostri Master in Management delle Risorse Umane è presente un modulo formativo specifico sul Social Media Recruiting che – grazie anche alle esperienze dei docenti-manager che intervengono in aula e che lavorano proprio in questi settori – si pone anche l’obiettivo di stimolare una riflessione sulle corrette modalità di utilizzo di questi strumenti per finalità connesse alla ricerca e selezione di personale.”

Lo studio Whats on job seekerssocial media sites? A content analysis and effects of structure on recruiter judgments and predictive validity, condotto nel 2020 e pubblicato su Journal of Applied Psychology, dimostra che “esistono pochissimi dati empirici riguardanti le informazioni ricavate dai social media e che le valutazioni che se ne ricavano non possono essere considerate un valido strumento per prevedere gli sviluppi futuri del percorso dei candidati in azienda.

Nonostante queste considerazioni e come è evidente dalle statistiche, ancora tanti recruiter si affidano ai social.

Cosa puoi fare per tutelare la tua immagine di candidato?

Ecco tre consigli per evitare che i recruiter possano farsi influenzare da ciò che trovano sui tuoi profili social:

  • ripulisci i tuoi profili social, prestando attenzione anche ai contenuti pubblicati da altri sul tuo profilo
  • imposta criteri di privacy ristretti abbastanza per evitare che persone al di fuori della tua cerchia possano vedere i contenuti che pubblichi o alcuni di essi
  • resta sempre aggiornato sulla legislazione in materia di privacy

Per saperne di più, chiedi un consiglio gratuito a uno dei nostri Consulenti di Carriera

button icon

Master in Digital e
Social Media Recruiting

IN AULA (IN PRESENZA)

nuovi Professionisti del Recruiting e delle Risorse Umane sono figure strategiche e vicine al mondo del marketing e della comunicazione; si occupano di Employer Branding per costruire una reputazione aziendale che coincida con quella del “posto di lavoro ideale”; hanno skills orientate al digitale ed affrontano il processo di selezione del personale in maniera più smart ed innovativa, secondo criteri di  efficienza.

  • STAGE RETRIBUITO E GARANTITO
  • LEZIONI NEL WEEKEND
  • 12 SEDI IN ITALIA
  • ATTESTATO DOPPIO: IT/EN
  • AULE A NUMERO CHIUSO

Condividi questo articolo

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli Correlati

Crediti

ASSOCIATA
ASSEPRIM
AUTORIZZATA
MINISTERO DEL LAVORO
ASSOCIATA
ASFOR
AUTORIZZATA
REGIONE LOMBARDIA
SUPPORTIAMO
AIDP