Diventare HR Manager, il percorso per i futuri manager delle Risorse Umane

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Una delle figure professionali strategiche all’interno di un’azienda è quella dell’HR Manager. Chi è Manager delle Risorse Umane ha infatti davanti una carriera molto dinamica: si tratta infatti di una professione ricercata sia dalle aziende che dalle società di selezione e può lavorare anche come consulente libero professionista.

Il manager delle Risorse Umane identifica innanzitutto i migliori talenti da assumere ed è per questo motivo che, ogni volta che c’è da fare una nuova assunzione in un’azienda, vengono coinvolti in primis questi professionisti.

Oltre a questo, un HR manager può occuparsi di individuare e supervisionare i programmi di formazione e i corsi di aggiornamento dei dipendenti, possono essere coinvolti dal settore paghe, dal settore sicurezza sul lavoro, e intervengono direttamente anche nella gestione dei rapporti sindacali.

Se immagini il tuo futuro in questo ruolo, ecco qual è il percorso formativo per diventare HR Manager.

I compiti principali dell’HR Manager

Il responsabile delle risorse umane è, dunque, un professionista che si occupa del coordinamento di tutte le procedure che concernono il personale interno.

compiti principali svolti da un responsabile HR sono prettamente legati al tipo di azienda e al settore di business, ma fondamentalmente le sue mansioni possono essere così sintetizzate:

  • Ricerca, selezione, collocamento delle risorse in azienda attraverso la collaborazione con gli addetti HR e con i fornitori esterni;
  • Formazione del personale interno, mediante programmi di aggiornamento e formazione continua per i dipendenti;
  • Tutela del lavoratore (dal momento dell’assunzione alla conclusione del rapporto del lavoro). Si tratta di aspetti come permessi, orari, congedi;
  • Monitoraggio e gestione dei dati del personale attraverso specifici software;
  • Gestione delle relazioni sindacali e industriali e negoziazione su retribuzioni;
  • Comunicazione interna e ascolto delle reali esigenze dei dipendenti;
  • Sinergie con i vertici dell’azienda e con consulenti esterni in ambito legale, amministrativo e societario.

Come diventare HR Manager

Diventare HR manager vuol dire occuparsi dei dipendenti o dei futuri dipendenti di un’azienda, ma anche dei collaboratori o degli stagisti. Ecco perché le conoscenze sono a tutti gli effetti trasversali, includono più discipline e competenze.

È sufficiente una laurea triennale, anche se devi sapere che oggi la maggior parte dei professionisti impiegati in questo settore ha già conseguito una laurea magistrale come base per la sua formazione.

Oltre ciò, devi approfondire skills che poi saranno parte integrante del tuo lavoro quotidiano: le capacità nei rapporti interpersonali, il decision-making, le capacità organizzative, la legislazione attuale del lavoro, la leadership e ovviamente la conoscenza pratica e teorica dei software per la gestione delle risorse umane.

Ci sono diversi modi per acquisire queste conoscenze e competenze: facendo corsi singoli oppure frequentando un Master in Management delle Risorse Umane che in circa sei mesi ti dà tutta la formazione della quale hai bisogno oltre alla possibilità di avere uno stage retribuito e garantito in una grande azienda italiana.

CTA Blog

Cosa studiare per diventare HR Manager

Considerando che il responsabile delle risorse umane ha un ruolo strategico per ogni azienda, in questo senso alcune soft skills si rivelano fondamentali. Oltre alle capacità comunicative, è importante possedere delle spiccate doti organizzative per evitare di trascurare qualsiasi dettaglio del percorso lavorativo delle risorse all’interno di una realtà aziendale.

Diventare HR manager richiede anche un’elevata flessibilità e capacità di problem solving. Due elementi imprescindibili per una figura multitasking capace di gestire più attività simultaneamente, facendo riferimento alla propria capacità di interazione con vari profili in azienda.

Dunque il percorso universitario per diventare HR Manager è solo un punto di partenza, infatti non esiste un corso di laurea dedicato: il vero salto di qualità puoi farlo successivamente, scegliendo un corso di alta formazione o un master.

Cercare lavoro come HR manager

La maggior parte delle offerte di lavoro come HR manager richiedono già un’esperienza sul campo.

Può non essere facile trovare un’azienda che scelga di aprire le porte a un giovane che ha appena concluso il suo percorso di formazione in Management delle Risorse Umane: è davvero frustrante acquisire un titolo in pochi mesi e poi impiegare anni a trovare la possibilità di fare uno stage, un tirocinio o una collaborazione per acquisire qualche anno di esperienza.

Ecco perché Radar Academy ha incluso in tutti i suoi percorsi di formazione la possibilità di chiudere il Master con una esperienza retribuita e garantita in azienda che ti permetta da un lato di ottenere i requisiti utili per rispondere agli annunci, dall’altro lato di entrare in contatto con possibili, futuri, datori di lavoro.

Diventare HR Manager con un Master in Management delle Risorse Umane

Scegliere il Master in Management delle Risorse Umane è la soluzione più adatta per diventare hr manager. Quello proposto da Radar Academy Business School forma giovani professionisti e manager orientati alla valorizzazione del talento e del capitale umano.

Uno dei motivi per i quali scegliere il Master in Management delle Risorse Umane è la durata delle attività formative: 6 mesi d’aula in formula week-end (quindi lezioni sabato e domenica a settimane alternate): un’opportunità per conciliare la tua alta formazione con il lavoro oppure persino con la fine di un percorso universitario.

Se vuoi diventare HR Manager scopri di più sul Master in Management delle Risorse Umane Radar Academy, e leggi le storie dei nostri ex-Allievi che hanno trovato lavoro a seguito del Master.

>> Richiedi subito la brochure