La figura dell’HR Analyst

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’HR Analyst svolge un ruolo cruciale nella raccolta, strutturazione, analisi e reporting dei processi e dei dati delle Risorse Umane. In questo articolo, discuteremo le competenze chiave per il lavoro di un analista delle risorse umane e come diventarlo.

L’avvento dell’HR Analytics ha radicalmente rivoluzionato lo studio dei meccanismi di rete, così come quello relativo ai processi di interazione e di azione attraverso un approccio di tipo numerico. Lo Human Resources Analytics ha il compito di analizzare quelle statistiche che si rivelano fondamentali nella gestione delle HR all’interno di un contesto organizzativo.  

Ad oggi, le aziende che intendono restare competitive sul mercato del lavoro tendono a mirare non solo a profili qualificati, ma anche ad investimenti legati ai processi di formazione continua, sulla base dei dati rilevati. Sono sempre più numerose, infatti, quelle aziende medio-grandi che si interfacciano con il mondo dell’HR Analytics.

Tuttavia, quali sono gli elementi che vengono misurati?

Di seguito le principali aree di interesse:

  • Coinvolgimento dei lavoratori;
  • Valutazione delle performance;
  • Retention; 
  • Livello di esperienza;
  • Retribuzione;
  • Efficienza organizzativa. 

Raccogliere tali dati, per un HR Analyst significa poter effettuare previsioni sul turnover aziendale, monitorare un eventuale risk management e analizzare i livelli di retribuzione dei dipendenti. Applicazioni di HR Analytics, unitamente ad analisi mirate su Big Data legati alle persone (stipendi, competenze, ore di training, risultati sul lavoro, compensi, mobilità, performance ratings, percorso scolastico) potrebbero consentire in futuro di identificare quei meccanismi innovativi per selezionare strategie e motivare il personale, nonché investire sulle persone e di conseguenza monitorare i costi. In particolare, il lavoro di un HR Analyst potrà allinearsi alle strategie dell’impresa fornendo un vero e proprio valore aggiunto.

Di cosa si occupa l’HR Analyst

Raccolta, strutturazione, analisi e comunicazione dei processi e dei dati delle risorse umane sono gli aspetti che caratterizzano le attività quotidiane di un HR Analyst.

Pertanto, le principali mansioni svolte da questa figura possono essere così sintetizzate:

  • Attenzione incentrata sul business;
  • Comunicazione;
  • Gestione dei rapporti all’interno del contesto aziendale;
  • Gestione delle risorse umane;
  • Analisi dei dati;
  • Analisi dei sistemi e implementazione delle risorse umane;
  • Conoscenza di contesti globali.

Un HR Analyst deve conoscere il progetto sul quale lavorare, in quanto l’analisi dei dati avrà un impatto sul business. Non può mancare poi l’attenzione alle attività di comunicazione. 

Dialogare in azienda, gestire le parti interessate e le loro aspettative e trasmettere i risultati di un progetto di analisi al pubblico di riferimento sono tutte attività alle quali un HR Analyst non può sottrarsi.

Occorre poi saper gestire le relazioni all’interno di un contesto organizzativo e garantire il mantenimento delle attività coinvolte nel progetto di analisi, nonché prevenire eventuali rischi aziendali. Anche l’aver maturato esperienza nel settore delle Risorse Umane non può che essere un elemento vantaggioso per un HR Analyst.

Le principali competenze nell’ambito delle HR si articolano in tre aree cruciali:

  • Conoscenza di aspetti tecnici e impliciti nelle risorse umane;
  • Conoscenza delle migliori strategie in materia di risorse umane;
  • Comprensione dei processi chiave delle HR.

Un HR Analyst, dunque, è a stretto contatto con i dati nell’organizzazione. Per la maggior parte delle aziende, questo aspetto implica la produzione di report ad hoc. I dati sulle HR provengono da sistemi specifici, come l’HRIS (Sistema Informativo delle Risorse Umane), che aiuta il manager a risolvere i problemi legati al capitale umano dall’inizio alla fine. Tuttavia, conoscere le sfide della globalizzazione è un aspetto significativo per un HR Analyst, proprio per capire in che modo le differenze culturali incidono sulle pratiche di acquisizione di dati e sulle risorse umane.

Come diventare HR Analyst

Avere un background orientato alla psicologia del lavoro e delle organizzazioni, all’informatica e/o al business management è sicuramente rilevante per chi ambisce a diventare un analista HR. Si tratta di percorsi che, unitamente ad una valida esperienza sul campo, possono rivelarsi vantaggiosi. Anche un’ottima conoscenza di programmi informatici come MS Excel è particolarmente indicata per comprendere in che modo combinare fogli di lavoro e analizzare grandi quantità di dati attraverso le cosiddette tabelle pivot.

Per diventare HR Analyst ci sono alcuni step consigliabili.

Tra questi possono essere considerati i seguenti:

  • Ottenere una laurea preferibilmente in informatica e/o in business management;
  • Frequentare corsi di formazione sui software HRIS;
  • Fare esperienza sul campo;
  • Ottenere certificazioni. 

Master in Management delle Risorse Umane per diventare HR Analyst

Al termine di un percorso accademico, decidere di frequentare un Master può essere un elemento a favore di un potenziale HR Analyst. Un Master in Management delle Risorse Umane, ad esempio, è la soluzione ideale, in quanto consente di formare futuri professionisti in grado di garantire produttività e sviluppo dell’azienda. 

Il Master in Management delle Risorse Umane è rivolto a chi ambisce a diventare esperto delle HR con l’obiettivo di andare incontro alle aspettative del mercato del lavoro e delle persone. In questo modo, i futuri professionisti saranno in grado di produrre un vantaggio competitivo, capitalizzare sulle nuove tecnologie, possedere un solido appeal sulle nuove generazioni, e sviluppare e identificare potenziali talenti. Scegliere un Master in Management delle Risorse Umane significa avere anche la possibilità di effettuare esperienza sul campo con stage mirati, anche se alla base di una carriera professionale solida, ci sono le tanto ricercate soft skills, le competenze trasversali che trovano riscontri pratici e successo in ogni ambiente di lavoro e area di business.

Se vuoi diventare Hr Analyst scopri di più sul Master in Management delle Risorse Umane Radar Academy e sulle storie dei nostri Allievi che hanno trovato lavoro a seguito del Master, oppure contattaci utilizzando il form che trovi sopra.