Digital Recruiting & Employer Branding Evolution

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’evoluzione degli strumenti digitali sta rivoluzionando radicalmente il mondo aziendale e tale trasformazione abbraccia ormai quasi tutti gli ambiti, compreso il processo di recruiting, tant’è che spesso sentiamo parlare di Digital Recruiting.

La praticità e l’efficacia del digital recruiting è confermata dal fatto che negli ultimi anni c’è stata una fioritura di piattaforme multibrand che offrono consulenza e soluzioni HR per il mondo del lavoro.

Digital Recruiting, cos’è

Un approccio basato sulla selezione del personale che sostituisce i canali tradizionali per la ricerca di candidati con gli strumenti del web. Può essere definito così il concetto di digital recruiting.

Un fenomeno in forte espansione che vede un numero sempre crescente di aziende che ad, ad esempio, fa uso dei principali social network, come Facebook, LinkedIn o Twitter per offrire lavoro ed identificare il candidato ideale.

Le attività di recruiting stanno cambiando. Se da un lato la rete rappresenta uno strumento ideale per cercare potenziali talenti, dall’altro le imprese non possono fare a meno di considerare le skills e la reputazione digitale del candidato attraverso piattaforme di recruiting.

E’ necessario, dunque, mostrare una certa flessibilità di fronte ad un processo di recruiting in continua evoluzione.

I recruiter possono usare i dati ricavati dai social media per approfondire maggiormente le competenze dei potenziali candidati. L’analisi dei profili sui social media consente di conoscere aspetti fondamentali, come hobby e interessi, così come una panoramica della personalità del candidato.

Nuove strategie di Employer Branding: Digital Employer Branding

L’organizzazione aziendale, grazie al digitale digitale, riesce a ridefinire quelle logiche per la valutazione della produttività personale, così come gli equilibri tra vita personale e vita lavorativa.

Ecco che, in tal senso, emergono nuove sfide per il processo di recruiting e di sviluppo del capitale umano.

Attraverso valide tecniche di employer branding e una comunicazione efficace, è possibile mantenere in azienda i candidati di valore. Una strategia di digital employer branding riesce, infatti, ad identificare i candidati ideali per l’organizzazione aziendale, dando vita ad un vero e proprio branding che comunichi in maniera efficace e trasparente le attività svolte per i propri dipendenti.

In che modo è possibile definire una corretta strategia di employer branding? Tra le principali tecniche di employer branding abbiamo le seguenti:

  • Capire cosa pensano i dipendenti e fornire loro una linea comune in riferimento ai feedback riscontrati al fine di creare un clima di fiducia in azienda;
  • Scegliere i canali di comunicazione su cui improntare una strategia di promozione ed informazione. Un’attività che necessita di essere mantenuta nel tempo anche se in futuro le persone che si occupano di media branding potrebbero essere sostituite da altre.
  • Monitorare i social media con costanza, comunicare in maniera immediata e creare contenuti di valore;
  • Utilizzare il più possibile il contenuto creato dai dipendenti e promuoverlo.

Come diventare esperto in Digital Recruiting

Sia nelle grandi aziende che nelle piccole e medie imprese si è ormai consolidata la consapevolezza del rapporto tra il mercato del lavoro e la comunicazione mediante i social media.

Attuare strategie di digital recruiting presuppone la presenza di personale qualificato che sappia cogliere le opportunità offerte dal mercato e allo stesso tempo quelle della rete verso il business.

La linea comune è partire da una solida cultura generale, che è indispensabile in tutti gli ambiti afferenti alla comunicazione.

Fare digital recruiting vuole dire, quindi, avvalersi di professionisti della comunicazione. In tal senso, una laurea in discipline umanistiche, come in Scienze della Comunicazione può rivelarsi un valore aggiunto per gestire i nuovi strumenti di comunicazione d’impresa.

Tuttavia, sono consigliabili anche facoltà come Lettere, Filosofia, Storia e Scienze Politiche.

E’ necessario poi possedere una buona capacità di scrittura, nonchè una buona dose di creatività per creare contenuti di valore. Anche la capacità di saper interpretare i comportamenti individuali e sociali del consumatore, una grande elasticità mentale e il pensiero laterale rappresentano quegli elementi di valore molto richiesti dai recruiters.

Riepilogando, le caratteristiche utili per implementare strategie di digital recruiting di successo sono le seguenti:

  • Cultura generale;
  • Forte interesse per le tecnologie e le novità digitali;
  • Conoscenza base del computer e dei dispositivi mobile;
  • Competenza base o avanzata di tecniche di marketing;
  • Capacità di scrittura;
  • Conoscenza approfondita di strumenti e strategie legate alla comunicazione e al marketing digitale.

Possedere un solido bagaglio di conoscenze è, dunque, fondamentale per scoprire come funziona il digital recruiting. In tal senso, per chi non ha ancora le idee chiare dopo una laurea triennale, è consigliabile frequentare un Master in Digital & Social Media Recruiting.

Una scelta vantaggiosa per conoscere in maniera approfondita le tecniche più avanzate di recruiting, selezione, head-Hunting e le nuove metodologie di formazione e sviluppo del personale.

L’obiettivo del Master è di introdurre nel mercato del lavoro esperti HR che sappiano gestire il cambiamento.

Grazie alla possibilità di effettuare stage durante il Master presso specifiche realtà aziendali, il singolo allievo ha la possibilità di conoscere problematiche reali del contesto HR e di farsi conoscere dall’azienda, mediante un rapporto diretto instaurato con l’ufficio delle Risorse Umane.