Dal Neuromarketing al Neurosocial

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Tra le grandi aziende c’è un paradigma di cui sentiamo spesso parlare, un mix di neuroscienze, economia e psicologia. Stiamo parlando del neuromarketing. Accade a volte che i meccanismi alla base del neuromarketing vengano interpretati erroneamente: prima di conoscere cosa c’è dietro al neuromarketing vediamo in cosa consiste la disciplina e i suoi campi di applicazione. 

Innanzitutto, occorre fare chiarezza sugli obiettivi del neuromarketing. Uno è sicuramente quello di prendere in esame le risposte che scattano a livello cerebrale proprio quando di fronte ad un potenziale cliente si presentano stimoli sensoriali quali una pubblicità, il packaging di un prodotto o il logo di un particolare brand. E’ così che possiamo elaborare strategie sempre più sofisticate per conoscere l’esperienza dei consumatori, nonché i meccanismi alla base dei comportamenti d’acquisto. Entrando nel vivo dei meccanismi alla base del processo di acquisto di un cliente, possiamo scoprire in che modo approntare campagne di marketing puntuali ed efficaci.

Cos’è il neuromarketing

Ponendo le sue basi sulla neuroeconomia, il neuromarketing è contrassegnato da conoscenze e teorie provenienti dal mondo delle scienze, dell’economia e della psicologia. Ruotano attorno a questa importante disciplina le neuroscienze (come la neurobiologia e le tecniche di brain imaging), le teorie di marketing tradizionale e la psicologia comportamentale.

Il neuromarketing è, dunque, un metodo di analisi dei comportamenti dei consumatori nella fase d’acquisto. In particolare, si tratta di un metodo che va a identificare quei fattori che si celano dietro le decisioni di acquisto del consumatore con l’obiettivo di migliorare i prodotti e la comunicazione. Perché il consumatore ha scelto proprio quel prodotto? Ce lo dice il neuromarketing. Grazie a questo metodo di analisi, è possibile infatti ‘prevedere’ il comportamento degli utenti, monitorare in tempo reale le loro reazioni agli stimoli di marketing e conoscere i meccanismi alla base dei processi di acquisto.

Con il neuromarketing, possiamo anche imparare a non commettere gli errori più comuni elle campagne pubblicitarie tradizionali. Gli strumenti utilizzati nel neuromarketing consentono di elaborare analisi più strutturate rispetto alle normali indagini di mercato, che, invece, fanno leva su sondaggi o questionari.

In che modo il neuromarketing riesce ad entrare nella mente del consumatore? Questo metodo di analisi si avvale di sistemi di risonanza magnetica funzionale (o fMRI, Functional Magnetic Resonance Imaging), elettroencefalografia (EEG, Elettroencefalography) e strumenti di eye-tracking, il monitoraggio dei movimenti oculari. Si tratta di strumenti non invasivi che misurano l’attività cerebrale di un soggetto mettendo in risalto le risposte involontarie agli stimoli a cui questo viene esposto. Il neuromarketing può essere un punto di riferimento per le aziende che hanno intenzione di migliorare i propri risultati. Indagare nei processi di acquisto del consumatore ci permette di accedere ad un mondo pieno di nuove potenzialità e quindi di affinare le nostre tecniche di marketing. 

Ma c’è un elemento prioritario per le aziende: la flessibilità, ovvero la capacità di adattare la propria strategia in tempi rapidi alla digital transformation. Saper adeguarsi al cambiamento, basti pensare ad esempio alle nuove modalità lavorative dettate dall’emergenza Coronavirus, rappresenta un passaggio cruciale da non trascurare, insieme agli investimenti iniziali e alla strumentazione da mettere in campo.

Cosa si intende con neurosocial

Chissà quante aziende si chiedono come mai un determinato post su Facebook sia riuscito a raggiungere una notevole fetta di utenti e altri invece no. Ma quello che ci resta da capire è cosa influisce sulla mente del cliente, cioè su quali aspetti investire per interagire con il nostro target. Considerando che in questo caso gioca un grande ruolo proprio la gestione dei social network, perché non parlare di neurosocial? Il suo obiettivo è di combinare le tecniche di social media marketing con le neuroscienze per comprendere quelli che sono i processi decisionali che incidono sulla mente del consumatore durante il processo d’acquisto a livello social. Nell’ambito del neurosocial ci sono valide tecniche da tenere in considerazione:

  • Storytelling, emozionando il consumatore per catturare la sua attenzione;
  • Social proof, l’elemento inconscio che ci porta a fidarci delle testimonianze, delle esperienze e dei consigli di altri consumatori;
  • Contenuti ironici per costruire un rapporto autentico con l’utente.

Diventare esperto di neuromarketing

Approfondire le tecniche e gli strumenti che appartengono al neurosocial implica seguire una certa formazione. Una laurea in psicologia non è sufficiente in tal senso. Per approcciarci al neurosocial e alle sue applicazioni, la soluzione ideale è di intraprendere un percorso formativo post-universitario. 

Il neuromarketing è, infatti, una delle principali strategie e tecniche di marketing oggetto del master in E-Commerce e digital marketing management erogato da Radar Academy. Una scelta valida per chi ha intenzione di fare carriera nel mondo del marketing, attraverso un approccio innovativo centrato sul cliente e sui nuovi comportamenti d’acquisto. 

Neuromarketing & comportamenti d’acquisto, digital marketing strategies e web & social media monitoring sono i principali moduli previsti nel programma didattico. Punto a favore di chi sceglie un master con la Radar Academy è la possibilità, al termine del percorso, di svolgere uno stage/tirocinio retribuito o, in alternativa, avere un contratto di collaborazione presso aziende, web agency, società di consulenza in ambito marketing, comunicazione, SEO, SEM on-line advertising, social media planning.  Gli allievi dei master di Radar Academy possono confrontarsi con i migliori manager e professionisti del settore, scoprire testimonianze di altissimo livello e le competenze che si rivelano imprescindibili per un immediato inserimento nel mercato del lavoro.

 


Vuoi approfondire le tue conoscenze sul Neuromarketing? Scopri di più sul Master in E-Commerce & Digital Marketing Management oppure contattaci utilizzando il form sopra.

Tutti i Master in partenza
e in corso di erogazione si svolgeranno regolarmente e nel rispetto delle misure anti-Covid19 per la tutela della salute e della sicurezza.